Cascina Caiella è accreditata come Fattoria Didattica dalla Regione Lombardia. L'azienda agrituristica si impegna nell’educazione del pubblico, ed in particolare nell’accoglienza di gruppi di bambini e di giovani nell’ambito delle loro attività scolastiche ed extrascolastiche. Offre l’opportunità di conoscere l’attività agricola ed il ciclo degli alimenti, la vita  vegetale, il mestiere ed il ruolo sociale dell'agricoltore, il territorio lombardo.  Alla base della proposta educativa della Cascina ci sono i principi della pedagogia attiva, che prevedono che i piccoli e grandi ospiti apprendano facendo.

 

L’attività educativa proposta dagli agricoltori è strettamente correlata a quella agricola, che rimane l’attività principale.

Cascina Caiella organizza percorsi didattici per gruppi di minimo 30 bambini e per alunni delle classi dell'infanzia e primarie per contribuire ad avvicinare i bambini al mondo della natura.

La Caiella organizza già da diversi anni visite in azienda nell'ambito delle attività agrituristiche, culturali e ricreative legate al mondo agricolo e del territorio, in particolare a quelle che sono le realtà dell'azienda agricola.

Le motivazioni che inducono ad organizzare queste attività come Fattoria Didattica, sono legate al tipo di organizzazione aziendale, al desiderio di far conoscere una realtà particolare del territorio ed alla presenza in azienda di figure, le cui competenze vanno oltre la semplice conoscenza dei processi agricoli, dei metodi di coltivazione e delle capacità del singolo agricoltore. In particolare si fa riferimento alla figura del legale rappresentante della Cascina Dott. Giuseppe Andreoni, geologo, già insegnante per diversi anni nelle scuole secondarie di primo e secondo grado, in possesso dell'abilitazione all'insegnamento delle scienze naturali della chimica e della geografia nonché presidente del consorzio di irrigazione della Roggia Maina e che quindi è in grado di proporre attività didattiche non solo agli alunni delle scuole primarie, ma anche di proporre percorsi per le scuole secondarie di primo e secondo grado.

Gli obiettivi che si vogliono perseguire sono la conoscenza del mondo agricolo attraverso percorsi studiati in base all'età, alle capacità dei soggetti ed ai programmi didattici previsti dai vari istituti scolastici in accordo con docenti ed educatori. A seconda dell'età sarà possibile programmare dei semplici laboratori manuali, percorsi didattici, lezioni teoriche accompagnate da visite nell'orto e nel frutteto, fino alla visita del territorio circostante con particolare riguardo agli aspetti naturalistici, idraulici ed antropici del paesaggio.